TANGENTI AD ALTA VELOCITA’
 La vera storia dell’appalto TAV numero uno.

22 Feb

Gara truccata, soldi al viceministro,
blocco dell’appalto.
Finché non spunta la “rossa” CMC,
alleata con il costruttore bianco

Tutto comincia a Venaus, la località della Valsusa dove dovrebbe iniziare il
supertunnel di 53 chilometri che dovrebbe passare sotto la montagna e
sbucare in Francia.
La società che guida le danze è l’appositamente costituita Ltf (Lyon Turin
ferroviaire), impresa pubblica controllata a metà dalle ferrovie francesi (Rff) e
a metà da quelle italiane (Rfi).
Il primo appalto Ltf è per la progettazione della discenderia di Venaus, cioè la
galleria di servizio del supertunnel. Per accaparrarselo, si mette in moto una
variopinta compagnia di furbetti del tunnellino. Vincenzo Procopio, titolare
della società Sti, è il vincitore designato. Ugo Martinat, viceministro delle
Infrastrutture e uomo di An, è il suo santo in paradiso. Paolo Comastri,
direttore generale di Ltf, e Walter Benedetto, responsabile della direzione
costruzione di Ltf, sono gli angeli che scendono dal paradiso per far avverare
i desideri di Procopio e Martinat.
Le indagini della procura di Torino sulla gara truccata di Venaus nascono per
caso.
Nel dicembre 2003, infatti, arrivano per posta quattro buste contenenti strani
auguri di Natale: una cartuccia Smith & Wesson calibro 40. Due sono
recapitate a Procopio, agli indirizzi di casa e dell’ufficio, una a Gianni
Desiderio, del comitato direttivo dell’Agenzia olimpica, la quarta a un tale
Arcidiacono.
Per scoprire chi è il mittente della minaccia e proteggere i quattro destinatari,
la procura mette sotto controllo i loro telefoni: non l’avesse mai fatto! Dalle
conversasiioni registrate, i magistrati capiscono che i quattro si stanno dando
molto da fare, insieme ad altri, per gli appalti piemontesi. Ascoltano in diretta,
esterrefatti, la vera storia della gara di Venaus.
Gli uomini della Ltf, Comastri e Benedetto, ma anche Desiderio, spifferano a
Procopio tutti i segreti dell’appalto. Gli raccontano che alla gara è interessata
la Stone, «società del ministro» (Pietro Lunardi?), che si è alleata con
l’Alpina del costruttore Marcellino Gavio. Smaniano per farlo vincere.
Un regalo ad An.
Procopio trova il modo di sdebitarsi. Il 19 marzo 2004 parte un bonifico di 23
mila euro. «Procopio mi ha detto di fare un versamento ad An, dicendo
che il partito aveva bisogno di fondi», racconta tal Casalegno, che si
occupa materialmente dell’operazione.
La conferma arriva dalla stessa segreteria di Martinat: il 7 maggio 2004
Alfredo Caivani, dello staff del ministro, chiama Procopio e gli conferma che
il bonifico è arrivato. Intanto Procopio e Comastri s’incontrano anche di
persona, mercoledì 24 marzo 2003.
Commentano i magistrati: «È un grave indizio di turbativa e di collusione.
Non vi è altro modo di valutare l’incontro riservato, pochi giorni prima
della chiusura del termine per presentare le domande, tra uno dei
potenziali concorrenti ad un’asta pubblica ed il più alto dirigente del
committente».
Nella riunione, Comastri spiega a Procopio che per vincere deve associarsi
con un’altra impresa, la Mm di Milano.
Detto, fatto: Procopio telefona a Maria Rosaria Campitelli, della Mm, e le
dice che devono unire le forze, che non può spiegare tutto al telefono, ma
che la gara si può vincere. «Io volevo solamente dirti questo, siccome io
ho parlato stasera e so tutto… e l’idea è venuta anche da lì… Dice:
mettetevi insieme».
Le fa capire che la cosa è fatta: «So tutto… ma so tutto… so tutto, perché
ho parlato con persona giusta!».
Insiste: «Se ti dico di farla con me, vuol dire… che ho qualche motivo…».
Certo, i tempi sono stretti, le offerte devono essere presentate entro il 2
aprile, ma non c’è da preoccuparsi, perché il termine sarà prorogato.
Intanto anche Benedetto chiama Procopio e gli dice di «sposarsi con quei
signori di Milano», perché il capo (Comastri) vede di buon occhio
quell’unione.
Poi, il 25 marzo, la previsione si avvera. Benedetto annuncia: «Scusami se
ti disturbo, la scadenza è stata spostata a mercoledì 14 aprile».
Procopio, riconoscente, esclama: «Madonna, vi abbraccerei tutti e due!».
A questo punto, l’allegra compagnia mette a punto l’offerta. Benedetto,
nominato da Comastri presidente della commissione tecnica di gara, si mette
a disposizione di Procopio. Gli spiega come fare la relazione tecnica, come
calcolare i prezzi, come rispettare le regole francesi per le offerte, diverse da
quelle italiane.
Per evitare sorprese, la presidenza della commissione per l’aggiudicazione
della gara, che dovrà far vincere la Sti di Procopio associata all’Mm, viene
affidata ad Adolfo Colombo, che dell’Mm è stato direttore generale dal 1994
al 2000 e, in passato, presidente del consorzio Malpensa construction (Sea-
Mm) per la costruzione del nuovo aeroporto della Malpensa, nonché
presidente del consorzio Mm-Sogemi per il potenziamento dei mercati
all’ingrosso di Milano.
Ma il diavolo ci mette la coda. Malgrado tante cautele, l’intrallazzo naufraga:
un banale errore di redazione della domanda fa escludere dalla gara
l’associazione Sti-Mm. Passa avanti un’altra società, la Geodata: «Invisa al
ministro perché appartiene all’opposta corrente politica» e dotata però
anch’essa dei suoi santi in paradiso (l’ingegner Alessandro Macchi, membro
della commissione per la gara di Venaus).
Benedetto è sconfortato: «Piuttosto che far vincere Geodata e giocarci le
mie palle col ministro, preferisco che vinca un altro…».
Procopio viene allertato subito: «Lo so, lo so, abbiamo fatto un po’ di
corsa.. Ah», sospira, «conviene fare qualcosa…». Anzi: «Serve una
botta».
Un giro di telefonate, e la botta arriva: la gara viene annullata e si comincia
tutto da capo. Così Procopio corregge gli errori e s’appresta a presentare la
sua domanda. Peccato che, a questo punto, scatti la magistratura.
Intervengono i sostituti procuratori Paolo Toso e Cesare Parodi, che
mandano la guardia di finanza nella sede torinese della Ltf. Invano:
l’impiegata presente dice di non essere in grado di trovare alcun documento
sulla discenderia di Venaus. Possibile? Subito dopo, al telefono, Comastri
chiama Benedetto, lo avvisa dell’inchiesta, gli ordina di far sparire al più
presto il dossier chiuso nel suo armadio e di portarlo nella sede Ltf di
Chambery.
Allora i magistrati torinesi provano a chiedere nei confronti di Procopio una
misura cautelare meno punitiva dell’arresto, ma economicamente più
efficace: chiedono che gli sia impedito di partecipare, per un periodo di
tempo, alle gare d’appalto.
Il giudice per e indagini preliminari dice no, anche perché ritiene che non si
possa procedere nei confronti di personaggi coinvolti in una gara indetta
dalla Ltf, società di diritto francese,con sede a Chambery.
Blindati e intoccabili, dunque, gli appalti della Valsusa: non c’è corruzione,
non c’è tangente che tenga, ci pensino i francesi, se ne hanno voglia.
Ma il tribunale del riesame nel settembre 2006 ribalta la decisione. Ltf è stata
incaricata dal governo italiano, oltre che da quello francese, di essere
«stazione appaltante» e di indire pubbliche gare, dunque è a tutti gli effetti
parte della pubblica amministrazione. E’«del tutto irrilevante verificare il
luogo in cui la gara è stata indetta e la legge di quale dei due Stati
regolamenterà l’esecuzione dell’appalto».
Se la Cassazione confermerà questa decisione, salterà la garanzia
d’impunità sugli appalti della Valsusa.
Il tribunale del riesame, stabilito che la trasparenza e la correttezza delle
gare devono valere anche per la Ltf, accoglie il ricorso della procura di Torino
e blocca l’attività dell’ingegner Procopio. Con una motivazione durissima nei
confronti della «disinvolta spregiudicatezza dimostrata e in particolare la
pervicacia con la quale ha continuato a insistere nella turbativa della
gara per la discenderia di Venaus, anche quando era stata quasi
assegnata ad altro concorrente».
Indagato anche il santo in paradiso di Procopio, il viceministro Martinat. Ma
è un parlamentare. La procura, per continuare l’indagine, ha chiesto alla
Camera l’autorizzazione a utilizzare le intercettazioni telefoniche in cui
compare la voce di Martinat. Ma la Camera si guarda bene dal rispondere.
Nel frattempo, però, la gara è stata rifatta e a vincere è tata una new entry: la
Cmc, cooperativa rossa di Ravenna.
Cambia così anche l’atteggiamento dei vertici Ds nei confronti del
supertunnel della Valsusa. Mercedes Bresso, la presidente della Regione, è
oggi una moderata ma ferma sostenitrice dell’alta velocità. Eppure nel 2000
dichiarava: «Non barattiamo e non spezziamo il nostro tracciato. La
soluzione Alpetunnel ha un impatto sulla valle a dir poco devastante. È
prevista un’uscita del tunnel che avrà effetti disastroi. Così come la
stazione di sorpasso di Bruzolo e la stessa occupazione dei terreni
della parte bassa della valle. Vogliamo che ci sia un confronto tecnico e
politico che vada fino in fondo. E che porti a una decisione definitiva».
Parole oggi dimenticate.
Accanto a Cmc, nello stesso raggruppamento d’imprese, si trova la Cogeis.
Titolare Giovanni Berlino, indagato in passato per reati ambientali a Ivrea e
arrestato, nel 1991, per corruzione ad Aosta (insieme a Bruno Binasco, il
braccio destro del costruttore Marcellino Gavio).
L’inchiesta era quella della procura d’Aosta sugli appalti truccati per il
raccordo dell’autostrada Torino-Aosta e per la statale del Gran San
Bernardo.
Nel corso di quella indagine, ricevette un avviso di garanzia anche il
protettore politico di Bertino, Giuseppe Botta, gran signore delle tessere ai
bei tempi della Dc,quando era anche presidente della commissione Lavori
pubblici della Camera. Tutto finì con Botta assolto e Bertino, invece,
condannato in appello a 1 anno e 6 mesi.
Oggi Giuseppe Botta ha passato il testimone politico al figlio, Franco Maria
Botta, esponente dell’Udc, molto vicino a Pierferdinando Casini.
Dopo essere stato assessore nella giunta regionale di Enzo Ghigo, si è
candidato, per il centrodestra contro Antonio Saitta, alla presidenza della
Provincia di Torino. Una sfida che sapeva persa in partenza, ma che lo ha
comunque portato a mantenere alta la sua visibilità. Oggi è consigliere
regionale.
E Giovanni Bertino? Il costruttore «bianco» è tornato agli appalti, in alleanza
con i «rossi» della Cmc.
Le indagini continuano. E s’intrecciano con quelle dei lavori olimpici e
autostradali piemontesi. La nuova Tangentopoli sta prendendo forma.
Fonte: Diario, 16 dicembre 2005

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: